Psicodiagnostica clinica

La psicodiagnostica clinica è una branca della psicologia che ha come obiettivo l’indagine e la diagnosi in ambito psichico, valutando l’eventuale psicopatologia con appositi strumenti (colloqui, tests psicometrici e proiettivi). 
 
Perlopiù viene utilizzata per due obiettivi: 
  • per orientare il lavoro psicoterapeutico, conoscendo la struttura della personalità e i disturbi psichici qualora fossero presenti, individuandone le cause e progettandone il percorso risolutivo
  • per orientare il giudizio del giudice e/o il lavoro strutturale degli avvocati. 
I tests proiettivi in generale sfruttano la capacità proiettiva e immaginativa dell’essere umano come una sorta di schermo su cui vengono proiettati i contenuti profondi.
 
Generalmente, per un lavoro serio, è necessaria la somministrazione di più strumenti, per poter escludere le variabili occasionali e individuare in modo più oggettivo possibile i contenuti espressi dalla persona.
 
Questo genere di tests consentono di dare spazio al linguaggio simbolico e facilitare così la traduzione dei contenuti altrimenti inconsci. 
In altri termini, aldilà di test abbastanza conosciuti come il Rorshach o il Patte Noire, molti tests consistono in disegni.

Vai all'inizio